Dal bancomat viene giù il prosecco: a Londra ex sportello diventa winebar

Nei giorni successivi all’apertura, la catena Vagabond ha distribuito vino italiano a clienti e passanti. La trovata originale è un ironico riferimento ai precedenti inquilini dello stabile

Foto: profilo Twitter @DailyLuxury04

Bollicine gratis per i londinesi. La catena di winebar Vagabond ha scelto uno stabile in precedenza occupato da una filiale locale del Banco Santander per aprire un nuovo locale nella capitale britannica. Nei due giorni a cavallo dell’inaugurazione, avvenuta la scorsa settimana, i passanti hanno potuto degustare un bicchiere di prosecco offerto gentilmente con un metodo originale e che richiama, con ironia, ai precedenti inquilini dell’edificio. 

Il bancomat

Sul marciapiede di fronte all’ingresso è infatti stato posizionato un “bancomat del prosecco” che distribuisce un calice di degustazione di vino italiano per ogni cliente.

Le reazioni

La trovata di marketing ha presto attirato l’attenzione dei media, tanto che la notizia è stata ripresa anche su un pezzo del magazine Forbes.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il modello di business

Il wine bar si chiama Vagabond Monument e, oltre alla vendita di vini in bottiglia o al calice, offre una sala privata di degustazione, tre spazi in affitto per l’organizzazione di eventi e una vasta gamma di lezioni e corsi accreditati di degustazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, niente caffè e meno pasta per gli italiani se si bloccano le importazioni

  • Cibo e coronavirus, 6 falsi miti su cui fare chiarezza

  • L'appello dei braccianti immigrati: “Raccogliamo il vostro cibo ma abbiamo fame”

  • Coronavirus, aumentano le pressioni sull'Oms: “Chiuda i mercati di animali selvatici”

  • "Tutti cercano stagionali, noi non abbiamo più niente da raccogliere"

  • In arrivo il via libera al consumo di insetti in Europa

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento