Il biologico in Europa vale 40 miliardi

Secondo i dati aggiornati dell'annuario Fibl, il settore è in costante crescita. La Spagna leader Ue per superfici coltivate seguita da Francia e Italia

Il mercato dei prodotti da agricoltura biologica in Europa continua a crescere. Nel 2018 ha raggiunto un valore di 40,7 miliardi di euro, secondo al mondo dopo il Nord America (43 miliardi) e in aumento dell'8% rispetto al 2017. L'Italia è il Paese Ue con più produttori, ma siamo terzi dopo Spagna e Francia per superfici coltivate. Sono i dati emersi dall'annuario Fibl, l'Istituto di ricerca per l'agricoltura biologica con sede in Svizzera.

La Spagna, come dicevamo, resta leader Ue per superfici a bio con 2,2 milioni di ettari, la Francia segue con 2 milioni, quindi c'è l'Italia con 1,9 milioni. I mercati più grandi dell'Ue in termini assoluti sono in Germania, Francia e Italia, mentre i danesi sono quelli che spendono di più in prodotti bio, con 312 euro procapite l'anno.

Nell'Unione europea il settore continua a crescere, con un mercato da 37,4 miliardi (+7,7%), i consumatori che spendono in media 76 euro procapite l'anno in alimenti biologici, e i produttori e trasformatori che aumentano di numero rispettivamente del 7,2 e del 5,6% in confronto al 2017. Nel mondo 2,8 milioni di agricoltori (specialmente in India, Uganda ed Etiopia) producono su 71.5 milioni di ettari a biologico (+2,9% sul 2017), ossia l'1,5% del totale delle superfici coltivate, e il mercato vale 97 miliardi di euro l'anno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I trattori assediano Bruxelles contro i tagli alla Politica agricola comune

  • La dieta mediterranea? Ormai piace più all'estero che in Italia

  • Una "superfrutta" più sana e sostenibile grazie alle radiazioni: la scoperta made in Italy

  • Coronavirus, lo stop ai voli con Taiwan colpisce gli allevatori italiani

  • Coronavirus, Bellanova chiede all'Ue maggiore tracciabilità degli alimenti

  • Sos Mediterraneo, il 78% degli stock ittici è sovrasfruttato

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento