Merendine per i bambini? Due genitori su tre le acquistano anche per mangiarle loro

Le aziende le stanno adattando alle nuove abitudini alimentari degli italiani che sono molto più attenti alla salute e cercano prodotti con meno zuccheri e grassi saturi

Le merendine sono la colazione e lo spuntino preferito dei bambini ma di certo piacciono anche agli adulti. E non poco.

Da una ricerca Doxa-Junior che ha analizzato le tendenze di acquisto dei genitori italiani per l'alimentazione dei propri figli (5-13 anni), è emerso che 2 genitori su 3 (66%) acquistano merendine e lo fanno perché piacciono a tutta la famiglia, in primis a loro. Del resto un dato già emerso ci dice che in Italia ci sono 31 milioni di adulti che consumano questi snack dolci, in media 2 volte a settimana. Proprio le merendine, alcune delle quali nate ormai molti anni fa, nell'ultimo decennio hanno visto cambiare il loro profilo nutrizionale per andare incontro alle nuove esigenze dei consumatori.

Secondo dati dell'Unione italiana food, l'industria dolciaria in questi dieci anni ne ha ridotto del 30% il contenuto di zuccheri, del 20% quello dei grassi saturi e del 21% il contenuto calorico, eliminando completamente gli acidi grassi trans. E ha reso più chiare le etichette, ridotto ed equilibrato le porzioni. "La riduzione della quantità di zuccheri, grassi saturi e del valore energetico per porzione ha reso le merendine, ancor di più rispetto al passato, una delle alternative nutrizionali alla merenda degli italiani, bambini ma anche adulti", afferma Valeria del Balzo, biologa specialista in nutrizione dell'Università La Sapienza di Roma. "Se consumate 1-2 volte a settimana, durante lo spuntino mattutino o pomeridiano, le merendine possono a tutti gli effetti far parte di un piano di alimentazione sano, all'insegna della varietà", ha aggiunto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo uno studio Doxa - Aidepi, la merendina si colloca nella "top five" degli alimenti che i genitori danno ai loro figli, preceduta da frutta, in testa con il 51%, yogurt (42%), snack salati (28%) e panini (24%). L'81% dei genitori (8 su 10) dà a merenda ai propri figli una merendina e lo fa in media 2 volte a settimana, alternandola con altre tipologie di alimenti. Vale la pena ricordare che questo prodotto inventato proprio dall'industria alimentare italiana ogni anno concentra su di sè 20 milioni di euro di investimenti in ricerca e sviluppo, pari al 2% del fatturato del comparto. Che vuol dire una media di 30-40 nuove referenze l'anno sugli scaffali dei supermercati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage di pesci e animali ubriachi in Slovenia: "Colpa del vino nel fiume"

  • Crostacei contaminati da microplastiche: la triste scoperta italiana nel mar Artico

  • "Macelli focolai di coronavirus", la Germania vara una stretta sull'industria della carne

  • Stagionali rumeni bloccati dal Covid, vendemmia a rischio

  • La truffa dei cibi anti-Covid: "Nemmeno il lockdown ha fermato le frodi alimentari"

  • Dall'Ue ok all'etichetta a batteria "salva made in Italy"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento