La ministra dell'Agricoltura Bellanova: “Regolarizzare migranti per sottrarli al caporalato”

La responsabile degli Interni Lamorgese: "Ne stiamo discutendo, ma lo faremmo solo con chi serve e con delle regole precise"

Le regolarizzazioni dei migranti che lavorano nei campi italiani vanno sostenute "per togliere dalle mani del caporalato la vita di queste persone".

È l'appello lanciato dalla ministra dell'Agricoltura, Teresa Bellanova, che ha parlato in collegamento con Agorà su Rai3. "Si abbia a mente che si sta giocando con la vita delle persone, degli immigrati e degli italiani”, ha detto spiegando che “ci sono persone che venivano dall'Est e dall'Africa che non possono venire”, e quindi ora nel settore agroalimentare c'è forte mancanza di manodopera. “Noi abbiamo in Italia migliaia di persone che hanno lavorato in nero in agricoltura: o li mettiamo nelle mani del caporalato e della mafia per farli continuare a lavorare in nero o se ne assume lo Stato la responsabilità di farli lavorare con permessi stagionali in modo regolare", ha aggiunto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Mi sono sentito con la ministra Bellanova, stiamo lavorando insieme", ha dichiarato la ministra dell'Interno, Luciana Lamorgese, precisando che la regolarizzazione per gli stranieri "non è nei termini di 600mila", ma sarebbe limitata al settore agricolo. "Il problema che si pone è quello della raccolta, bisogna fare emergere chi lavora in nero anche per una questione di sicurezza", ha spiegato parlando in audizione alla commissione Affari costituzionali della Camera, aggiungendo che "è una riflessione, per ora non c'è nulla di concreto". "Vedremo poi se ci sarà una previsione normativa. Ora siamo in fase di discussione”, ha detto Lamorgese precisando che “si parla di regolarizzare" non tutti gli irregolari presenti, "ma quelli che servono e con delle regole".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage di pesci e animali ubriachi in Slovenia: "Colpa del vino nel fiume"

  • Crostacei contaminati da microplastiche: la triste scoperta italiana nel mar Artico

  • "Macelli focolai di coronavirus", la Germania vara una stretta sull'industria della carne

  • Stagionali rumeni bloccati dal Covid, vendemmia a rischio

  • La truffa dei cibi anti-Covid: "Nemmeno il lockdown ha fermato le frodi alimentari"

  • Dall'Ue ok all'etichetta a batteria "salva made in Italy"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento